Day 4: Janja Garnbret e Ashima Shiraishi Campionesse del Mondo Boulder Giovanili per le categorie Under 18 e Under 16

2336 views

YOUTH B
Alle 9:30, puntuale, arriva lo start. E’ un momento importante. E’ sono le prime finali Boulder della storia dei Campionati Mondiali Giovanili di arrampicata, e ad inaugurarle tocca alle giovani atlete delle categorie Youth B (Under 16) e Youth A (Under 18). Corrono in contemporanea. Sono 6 finaliste per categoria. Il gioco quindi si fa sempre più delicato e serio: non si può assolutamente sbagliare nulla. Ogni tentativo in più, ogni presa, ogni movimento deve essere studiato e calcolato. In campo bisogna mettere la forza, la testa e anche il cuore. Questo è il Boulder, il regno dell’arrampicata che si consuma in un attimo. La tensione che si respira è quella delle grandi occasioni, ed è giusto che sia così! Finalmente si parte. L’attacco è sempre importante ma il primo boulder sembra non essere il più adatto per un inizio soft e resta senza soluzione per la slovena Urska Repusic e la statunitense Brooke Raboutou. Un po’ meglio fa l’altra americana, Natalia Grossman, che agguanta la presa bonus (la zona) in 6 tentativi. Poi la musica cambia radicalmente: la russa Elena Krasovskaia (3a delle semifinali) centra subito il top . Cosa che però non riesce alla slovena Vita Lukan che trova il top “solo” al quarto giro. A questo punto tutti aspettano la 14enne statunitense Ashima Shiraishi, la grande dominatrice dei primi due turni. Tutti si aspettano la sua vittoria. ma come reagirà alla “pressione”. La risposta viene subito: Ashima esce guarda il blocco e lo sale al primo tentativo. Il suo attacco non poteva andare meglio. Intanto la Raboutou si riscatta nel secondo blocco che risolve in 6 tentativi. Mentre per Repusic e Grossman resta quasi un mistero. A questo punto la Krasovskaia tenta la prima fuga e risolve il secondo problema in 2 tentativi. Ora Lukan e Shiraishi devono rispondere… e un po’ di pressione può farsi sentire. Lukan sembra soffrirlo questo ma stringendo i denti riesce a farlo suo in 4 tentativi. Poi arriva Shiraishi e il blocco 2 trova chi lo sale in un solo tentativo. Sembra la fotocopia della semifinale. l’unica domanda è: riuscirà l’americana a fare ancora la gara perfetta?

Intanto è arrivato il penultimo problema, il numero 3 (particolare interessante, è lo stesso dello step 2 della categoria superiore, la Youth A). Per Grossman, Repusic e Raboutou quello strapiombo cosparso di volumi sfuggenti è… buio, quasi totale. Quasi lo stesso che per la Krasovskaia che però arriva almeno all’intermedio alias la presa di zona. A fare il top ci pensa invece la Lukan che in 6 tentativi dimostra di essere già di categoria superiore (sì perché nella categoria A questo top è stato raggiunto solo dalla grandissima Janja Garnbret). Chi invece sembra proprio di essere proprio di categoria a parte è (indovinate?) la solita Ashima Shiraishi. Per lei, naturalmente, il top arriva al primo tentativo…sembra facile come bere un bicchiere d’acqua. A questo punto quando manca solo l’ultimo ostacolo, il 4° boulder, la lotta sembra essere ristretta solo tra la Krasovskaia e la Lukan che si giocano la medaglia d’argento. A meno che l’americana non toppi clamorosamente. Potrebbe anche succedere visto che il blocco finale, proprio in partenza, ha un salto da sinistra a destra con un arrivo non proprio sicuro. Sta di fatto che la Grossman lo risolve quasi facilmente (in 3 tentativi) seguita poi dalla Repusic (in 7 tentativi). Nulla da fare invece per la Raboutou che chiude anche lei con 1 top (sul 2° problema). Ad una ispirata Elena Krasovskaia, invece, riesce la magia del top in un solo tentativo: è a 3top in 4 tentativi. Ora bisogna vedere cosa fa Vita Lukan che con 3 top in 14 tentativi deve assolutamente chiudere il 4° problema per conquistare la medaglia d’argento e sperare nell’oro (se Shiraishi sbagliasse). Ma non c’è proprio nulla da fare, anche se ci arriva veramente vicinissima a quel prezioso top. Così la bravissima russa Elena Krasovskaia è medaglia d’argento (con 3 top in 4 tentativi) mentre la slovena Vita Lukan è terza (con 3 top in 14 tentativi). E la statunitense Ashima Shiraishi è già campionessa del mondo Boulder della categoria Youth B, prima ancora di provare il 4° boulder, visto che ha già conquistato 3 top tutti al primo tentativo. Ma appunto c’è l’atto finale anche per lei. E, per la prima volta, anche la piccola americana è in difficoltà: non riesce proprio a capire quel “salto” in partenza. Ma lo smarrimento dura appena lo spazio di 2 tentativi. Alla terza partenza il top è suo. Con questo ha salito tutti i 12 boulder delle tre prove di questi suoi mondiali. Resta poco da aggiungere: la campionessa del mondo Boulder Ashima Shiraishi ha davvero un talento immenso, da grande stella! Il tempo dirà se vediamo giusto…
YOUTH A
Chi riuscirà a battere la slovena Janja Garnbret? E’ questa la prima domanda per l’ultimo atto del mondiale Boulder delle ragazze della categoria Youth A (o Under 16). La seconda (almeno per gli italiani) è: Asja Gollo riuscirà a ripetere la grande prova che ieri, in semifinale, le ha regalato il 2° posto? Nel mondo del boulder, ovvero del “nulla è scontato” sono domande insieme da tifosi ma anche tecniche. La Garnbret è sicuramente una delle atlete giovani più dotate di questi ultimi anni. Una vera fuoriclasse. La Gollo è da tempo una delle più sicure promesse italiane e già una sicurezza a livello internazionale. Non a caso la slovena comanda il world ranking ed è la campionessa europea in carica, mentre l’Italiana nel world ranking è seconda. Non che non abbiano concorrenza. Ad aspettarle al varco ci sono le statunitensi Margo Hayes e Grace McKeehan, due avversarie che fin qui si sono rivelate davvero “toste”. E poi ci sono anche l’austriaca Johanna Färber e la francese Charlotte Andre che vengono da due delle scuole più rinomate e con più tradizione per questo sport. Tutto questo per dire dell’attesa e delle emozioni che finali come queste portano con sé. Ma, bando alle emozioni, poi si deve partire. E a farlo alla grande sono proprio Asja Gollo e Margo Hayes che centrano il primo top al primo tentativo. Di meglio non si poteva sperare. dal canto suo Janja Garnbret spende invece due tentativi per aver ragione del boulder di partenza.

Mentre Johanna Färber lo risolve in 4 tentativi. Charlotte Andre riesce solo a raggiungere la presa di zona e Grace McKeehan neanche quella. Sul secondo (difficile) boulder è Janja Garnbret a salire in cattedra. La slovena lo sale al primo tentativo mentre per tutte le altre rimane un mistero, anche se la Gollo e la Hayes almeno riescono a centrare la zona. Giusto per non sbagliare anche alla terza “stazione” la Garnbret va al massimo e risolve il rebus al primo tentativo. Prima di lei c’era riuscita solo la Hayes mentre la Gollo aveva speso solo due tentativi per trovare il top. A segno, cioè al top del 3° boulder, erano andate anche la Färber (in 7 tentativi) e la Andre (in due tentativi). A questo punto, ad un blocco dalla fine, la Garnbret era saldamente al comando con 3 top in 4 tentativi. Seconda, con 2 top in 2 tentativi era la Hayes. Terza, con 2 top e un tentativo in più rispetto alla statunitense, era la Gollo. Insomma, come nelle migliori tradizioni di queste gare, tutto poteva ancora succedere: tutte e tre erano ancora in corsa per il titolo mondiale. Solo che l’ostacolo (strapiombate e aleatorio) dell’ultimo problema era davvero di quelli seri e così per tutte è rimasto senza… top. Morale: la slovena Janja Garnbret è la grandissima prima campionessa boulder della categoria Youth A. Alla statunitense Margo Hayes va la medaglia d’argento, che è anche una riprova del grande valore della “nuova” scuola statunitense. Mentre alla bravissima torinese Asja Gollo va un bronzo da incorniciare!

di Vinicio Stefanello / Planetmountain.com

IFSC WORLD CHAMPIONSHIPS 2015
– Gallery 2015
– Video 2015
– Classifiche 2015