IFSC Youth Championships ad Arco: finali Lead

2037 views

Arco, 5 settembre 2015 – Si sono svolte oggi presso il Climbing Stadium di Arco del Garda Trentino, dopo una notte di pioggia che ha decretato un deciso abbassamento della temperatura, le finali dei Mondiali Giovanili di Arrampicata Sportiva Lead. Finalmente abbiamo i nomi dei campioni giovanili del mondo 2015 di questa specialità e, sul podio, si sono fatti strada anche alcuni talentuosi italiani. A scendere “in campo” e a mettersi alla prova sulle vie tracciate per l’occasione sono stati, nell’ordine, Youth B (sia maschile che femminile), Youth A e Junior femminili, Youth A maschile e, per concludere, Junior maschile. Dei sette atleti della nazionale azzurra che hanno avuto accesso alle finali, tre sono riusciti a salire sul podio. Ha lasciato a bocca aperta la prestazione dell’americana Ashima Shiraishi, già campionessa del Mondo Boulder, che è arrivata senza esitazioni anche al top della Lead, conquistando un altro oro.

Nella categoria Youth B, le cui finali si sono disputate a partire dalle 12:00, Pietro Biagini e Laura Rogora, scalando in contemporanea sulle due pareti preparate dagli esperti tracciatori per la prova di difficoltà, hanno regalato al pubblico attimi di grande emozione. Con stile, grinta e tecnica pulita, hanno saputo dire la loro, collocandosi entrambi al terzo posto, rispettivamente nelle categorie U16 maschile e U16 femminile. Sfortunato Filip Schenk che, dopo una buona partenza, sbaglia mancando così al podio. Il titolo del mondo di Campione Giovanile Youth B è andato al francese Sam Avezou, seguito dal belga Harold Peeter. Per la categoria femminile dominio assoluto di Ashima Shiraishi, seguita dalla slovena Mia Krampl e dalla nostra Laura Rogora.

Nella Youth A femminile la slovena Janja Garnbret e l’americana Margot Hayes conquistano, rispettivamente, l’oro e l’argento. Alle loro spalle si piazza Aika Tajima (JPN) e, sfortuna vuole al quarto posto, l’italiana Asja Gollo.

Super prestazione per Stefano Carnati che, dopo una stagione d’oro, si riconferma tra i migliori della sua categoria. Rimane primo fino all’ultimo concorrente in gara, stretto a quella presa che solo lui era riuscito a raggiungere. Primo fino a che non arriva lo svizzero Sascha Lehmann che, anche se per pochissimo, gli sottrae la medaglia d’oro. Al terzo posto, dopo Lehmann e Carnati, si piazza Hugo Pamentier (FRA).

Nessuna atleta italiana è riuscita a salire sul podio della categoria Junior, quella degli under 20, che però tiene con il fiato sospeso fino all’ultimo e infiamma il pubblico. Sono questa volta la belga Anak Verhoeven e l’austriaca Jessica Pilz a dare spettacolo, giocandosi il gradino più alto del podio fino all’ultima presa toccata, proprio ad un passo dalla catena. Alla fine ad avere la meglio, anche se per pochissimo, sarà la Verhoeven, che sfiora la presa mancata dalla Pilz e può scendere dalla parete esultando per un primo posto quanto mai meritato. Medaglia di bronzo per Julia Charnourdie (FRA).

Per quanto riguarda gli uomini, nella medesima categoria, è stato Bernhard Rock (AUT) l’unico a raggiungere la catena posta al termine della parete a onda rovesciata e, pertanto, a fregiarsi del titolo di campione del mondo nella sua categoria. Dietro di lui, distanziati, l’americano Jesse Grupper (secondo classificato) e il giapponese Keiichiro Korenaga.

Sono stati anche calcolati i punteggi per i vincitori della combinata.
Per la categoria Youth B maschile: 1°classificato David Piccolruaz (ITA), 2° classificato Pan Yufei (CHN), 3° classificato Dichong Huang (CHN).
Per la Youth B femminile: 1°classificato Elena Krasovskaia (RUS), 2° classificato Brooke Raboutou (USA), 3° classificato Laura Rogora (ITA).
Per la categoria Youth A femminile: 1°classificato Grace McKeehan (USA), 2° classificato Janja Garnbret (SLO), 3° classificato Asja Gollo (ITA).
Per la Youth A maschile: 1°classificato Carlos Granjia (ECU), 2° classificato Hugo Parmentier 8FRA), 3° classificato Anselm Oberdorfer (GER).
Per la categoria Junior femminile: 1°classificato Stasa Gejo (SRB), 2° classificato Jessica Pilz (AUT), 3° classificato Kyra Condie (USA).
Per la categoria Junior maschile: 1°classificato Matthias Erber (AUT), 2° classificato Moritz Hans (GER), 3° classificato Anze Peharc (SLO).

Le competizioni sono terminate alle 19:00. Sono seguite la cerimonia di conclusione e le premiazioni. Al via alle 21:00 l’attesissimo appuntamento con Rock Master Duel.

Domani al Rock Master Village si svolgerà festa di chiusura con gli atleti di Rock Master e tutte le squadre giovanili.

Patrocinato da:
REGIONE TRENTINO ALTO-ADIGE, PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, COMUNE DI ARCO, INGARDA, BIM Sarca.
Technical Partner:
C.A.M.P., LA SPORTIVA, SALEWA, SINTROC, VIBRAM.
Sponsor:
ADIDAS, CMP, CLIMBING TECHNOLOGY, FLYER BIKE, FERRINO DMM, GRIVEL, MAMMUT, OCUN, OUTDOOR RESEARCH, ROCK EXPERIENCE, SINGING ROCK, STUBAI, TEVA, TENDON, ZLAGBOARD

di Press Green Media Lab